1 kosmo

4 kosmo

5 kosmo

Dare forma all’acqua è sempre stato il sogno dell’uomo e uno degli obiettivi di designer e progettisti che hanno da sempre a che fare con l’unicità di questo elemento e cercano di sviluppare diverse tipologie di prodotti che la contengono, la trasformano, la utilizzano per scopi differenti. Progetti che hanno da sempre lavorato sul tema del contenitore, che si sono confrontati con geometrie, forme e volumi di materiali diversi, che hanno cercato di esaltare la trasparenza dell’acqua, di canalizzarne il potere benefico, di valorizzare il benessere che è in grado di garantire.

antoniolupi è andata oltre. Ha cercato di dare forma all’acqua senza contenerla. Grazie a all’impiego dell’aria e alla particolare disposizione degli ugelli, il soffione Kosmo riesce a modellare l’acqua, a dar vita a un particolare getto che rimanda all’immagine delle bolle di sapone che si formano grazie a un soffio leggero, alle meduse marine che si muovono eteree tra le onde, alle fontane di una volta nelle quali gli zampilli che venivano originati dal centro descrivevano una calotta d’acqua semisferica che si dissolveva nella parte inferiore quando il profilo si dissolveva gradualmente.

Un cilindro perfetto, compatto, essenziale, preciso, una forma che rimanda immediatamente ad altre funzioni, un’immagine che è la perfetta sintesi di tecnologia e design: Azimut è il soffione a soffitto e a parete in acciaio inox e Delrin nero, che ha nello snodo speciale il cuore del progetto. Un dettaglio tecnico che diventa estetico, un particolare che fa la differenza, un concept che mette la funzionalità evoluta al primo posto. Lo snodo permette infatti al soffione di ruotare e quindi orientare il getto d’acqua per più di 180° rispetto a un asse. Una caratteristica che ne moltiplica le possibilità d’utilizzo garantendo una maggiore flessibilità di installazione. Azimut si può applicare a parete o a soffitto a seconda delle esigenze ed è in

grado di orientare il getto d’acqua in base alle caratteristiche fisiche dell’utente per garantire il massimo relax. Un progetto che ridefinisce l’archetipo del soffione, un oggetto che migliora la qualità dello spazio doccia, un dettaglio che riscrive una gestualità consolidata. Lo snodo è stato realizzato con una cremagliera che genera un piacevole effetto a scatto e allo stesso tempo permette di tenere fermo il soffione nella posizione desiderata. Come in tutte le collezioni di antoniolupi l’estetica svolge un ruolo fondamentale nella definizione del progetto. La sofisticata eleganza dell’acciaio satinato, gli equilibri proporzionali misurati e la compattezza della forma ne fanno un oggetto dall’anima contemporanea.

Un cilindro perfetto, essenziale, preciso, oggi disponibile anche nella versione ridotta, con dimensioni ancora più compatte. Una forma che rimanda immediatamente ad altre funzioni, un’immagine che è la perfetta sintesi di tecnologia e design: Miniazimut è l’evoluzione di Azimut, il soffione a soffitto e a parete che rimanda all’immagine di un proiettore luminoso che emette al posto della luce, l’energia vitale dell’acqua.

Nel solco di quanto sta avvenendo nel mondo dell’illuminazione con la miniaturizzazione delle sorgenti e la conseguente riduzione delle dimensioni dei corpi, anche Azimut si restringe e diventa Miniazimut, anch’esso disponibile nelle finiture Acciaio Inox Satinato o Grafite oltre che in alcune parti in Delrin nero.

Ironico nel suo sembrare altro, divertente per la modalità smart di funzionamento, accattivante nel dare un tocco di colore ad ogni spazio doccia, invitante perché se è vero che nell’immaginario collettivo è un pulsante di emergenza da utilizzare solo in caso di estrema necessità, quante volte siamo stati tentati dal premerlo per vedere cosa in realtà sarebbe successo? Gi-RA design presenta un progetto che gioca sul ribaltamento di significato trasformando un pulsante d’emergenza in un comando da utilizzare tutti i giorni, come sottolinea anche il nome: Mayday è un miscelatore monocomando a parete remoto adattabile a più utenze, rubinetto lavabo, soffione, doccetta.

Insomma se non si resiste alla voglia di premerlo, si può andare incontro a una sorpresa. Il ribaltamento di significati infatti, diventa ancora più spinto quando si considera il suo funzionamento. L’acqua si apre infatti, grazie a un movimento assiale, non come ci si aspetterebbe premendo il pulsante, ma tirandolo verso di noi. La miscelazione del getto d’acqua avviene ruotando a dx e sx il pulsante mentre, per chiudere il getto basta premerlo. Un modo nuovo di interpretare il miscelatore e ridefinirne caratteri e modalità di funzionamento.

Dal fratello maggiore ha preso l’immagine ironica e divertente, l’immediatezza del gesto, la capacità di dare gioia e colore allo spazio doccia, pur con dimensioni più contenute. La manopola esterna di Minimayday ha infatti un diametro di due centimetri inferiore rispetto a quella di Mayday (6 cm contro 8 cm) ma conserva intatte le caratteristiche del progetto originale. U

n miscelatore monocomando a parete remoto adattabile a più utenze, rubinetto lavabo, soffione, doccetta, che nasce dal ribaltamento di significato che trasforma un pulsante d’emergenza in un comando da utilizzare tutti i giorni, come sottolinea il nome stesso.

Una fonte che scompare nel soffitto annullandosi. Ruota attorno al tema dell’assenza il progetto Zenit10, il soffione che si nasconde per lasciare all’acqua il ruolo di assoluta protagonista. Le dimensioni contenute determinano un getto concentrato e intenso, l’assenza di elementi visibili facilità l’inserimento in qualsiasi contesto di stile. Perfetto per inserirsi in ambienti minimali e contemporanei, Zenit10 si manifesta unicamente quando è in funzione, generando una sorgente di benessere apparentemente nascosta.

Privo di telaio visibile il soffione appare come un semplice foro nel controsoffitto e rimanda in maniera esplicita all’immagine di altri elementi, proponendo un radicale cambio di significato e di funzione. L’origine di Zenit10 è infatti quella di un corpo illuminante da incasso pensato appositamente per il bagno, con la possibilità di essere collocato anche anche all’interno dello spazio doccia grazie alle specifiche caratteristiche tecniche. Partendo quindi dalla stessa struttura di incasso è bastato sostituire il faretto con il soffione per dare vita a uno strumento di benessere in pochissimo spazio.

Un segno distintivo, un elemento dotato di eleganza formale assoluta e rigore espressivo, una piccola placca a muro dalla finitura satinata. Poi basta un piccolo gesto, una rotazione per rivelarne la vera funzionalità. Tenso ridefinisce l’archetipo di uno degli accessori che sempre più spesso popolano l’ambiente bagno, l’idroscopino, e lo fa con l’eccellenza tecnica e formale propria di antoniolupi. Tenso è realizzato interamente in acciaio inox e asseconda la tendenza di uno spazio pulito ed essenziale, privo di inutili ingombri, scomparendo completamente nel muro. 

Il suo funzionamento è semplicissimo: ruotando la placchetta di 90°, contemporaneamente si apre l’acqua e la finestra che lo nasconde con il suo flessibile. Una volta estratto l’idroscopino basta poi ruotare la testina per dare il via al getto così come molto semplice risulta interrompere l’acqua ed alloggiare l’idroscopino nel muro. Ruotando la placchetta infatti, chiudiamo con un unico gesto, acqua e finestra e l’idroscopino scompare “magicamente” nel muro lasciando lo spazio libero.

Doppia funzione in un unico vano per un complemento che uniforma ingombri e incassi per conferire un’immagine pulita e omogenea alla parete. Cartatenso® racchiude in sè porta rotolo e idroscopino da incasso in acciaio inox satinato AISI 304 con doppio sistema di apertura e chiusura acqua e flessibile di 85 cm ad alta pressione. 

La placca che ospita le due funzioni propone un’estetica essenziale e rigorosa, grazie a una superficie satinata che ben dialoga con gli altri materiali che compongono l’ambiente bagno. Un elemento che testimonia ancora una volta l’attenzione di antoniolupi ai dettagli, agli elementi funzionali, anche verso gli accessori che sembrano essere secondari ma che in realtà fanno la differenza, definendo uno stile che è in realtà un modo d’essere.

Un elemento tecnico che assume una valenza estetica nella definizione dell’immagine complessiva dello spazio, un complemento che propone una forma compatta e rigorosa nella quale le geometrie degli elementi che lo compongono, si integrano con equilibrio ed eleganza discreta. Giro_Schizzo è l’idroscopino da esterno in acciaio satinato AISI 316/L, con presa d’acqua e chiusura integrata al supporto a parete, con flessibile 100 cm ad alta pressione.

Giro_Schizzo non si nasconde nella parete, ma rivela sin da subito la propria presenza, perché anche gli elementi funzionali possano assumere una connotazione formale. La funzionalità rimane però l’obiettivo primario. Grazie a un getto potente e concentrato, permette di assolvere alle funzioni di pulizia in modo ottimale.

Una nuova funzione per arricchire un’oggetto trasformista. Dalla gamma di idroscopini proposti da antoniolupi nasce la doccetta igienica Intenso®. Ruotando la testina atomizzata, si attiva un getto nebulizzato a temperatura ambiente con il solo utilizzo di acqua fredda. Un upgrade importante, un’integrazione che amplifica le possibilità di pulizia e igiene senza modificare in alcun modo forme e caratteristiche essenziali di questo oggetto di grande eccellenza tecnica e formale, un concentrato di tecnologia e design racchiuso in un ingombro minimo. Quando non utilizzato Intenso®, è una piccola placca a muro in acciaio inox, ma un piccolo gesto di rotazione ne rivela la vera funzionalità. Il suo funzionamento è semplicissimo:

ruotando la placchetta di 90°, contemporaneamente si apre l’acqua e la finestra che lo nasconde con il suo flessibile. Una volta estratta la doccetta basta ruotare la testina per azionare il getto, così come molto semplice risulta interrompere l’acqua ed alloggiare l’oggetto nel muro. Ruotando la placchetta infatti, con un unico gesto chiudiamo acqua e finestra e la doccetta scompare “magicamente” nel muro. Intenso doccetta igienica, così come Tenso® idroscopino, è disponibile anche nella versione con porta rotolo con il nome Cartaintenso®, è disponibile inoltre nella versione esterna a parete con il nome di Girointenso.

Essenziale, rigoroso, pulito nel suo minimalismo assoluto per integrarsi alla perfezione dal punto di vista stilistico con gli altri accessori che compongono l’ambiente bagno contemporaneo di antoniolupi. Una presenza discreta ma elegante allo stesso tempo, un oggetto funzionale che diventa un elemento della composizione. 

Materia e geometria sono protagoniste del nuovo scopino Rapido disegnato da GI-RA Design.