«Quando ci è stato chiesto di disegnare il nuovo showroom di antoniolupi, la nostra attenzione si è concentrata soprattutto sulla particolare conformazione dello spazio, collocato alla base di un'elegante torre nel cuore di Milano, costruita negli anni Cinquanta con la consulenza dell'architetto Portaluppi: si tratta di un ambiente con ben quattordici vetrine che da via Porta Tenaglia si estendono fino ad affacciarsi sul verde del Parco Sempione. Abbiamo pensato di lavorare inserendo un soffitto di grande impatto visivo, composto da volte architettoniche irregolari che contribuiscono a creare un senso di profondità ad un ambiente che si sviluppa prevalentemente in lunghezza.

 Il particolare disegno, oltre a suggerire una sequenza di vere e proprie sale da bagno, è pensato per essere ammirato anche dall'esterno e per avere un grande impatto visivo di notte. Come talvolta ci capita, anche questo progetto nasce dall’osservazione del lavoro di un grande maestro: in questo caso l’ispirazione viene dai bagni Kılıç Ali Paşa a Instambul, progettati da Sinān, celebre architetto ottomano del XVI secolo.

In questo hamam c’è una netta distinzione tra la porzione inferiore, dedicata alle vasche e alle fontane e la porzione superiore, composta da grandi volte e cupole piene di luce. Allo stesso modo, in questo progetto dedicato al bagno l’attenzione si è concentrata sulla parte superiore dell’architettura, lasciando maggiore libertà di esposizione al livello del pavimento, dove sono esposti i prodotti. 

Tuttavia non mancano richiami ad autori del Moderno che hanno lavorato, soprattutto nelle architetture dei musei, sull'architettura dei soffitti, in contrapposizione alle opere esposte. Infine ci siamo concentrati sulla tattilità delle superfici, ed abbiamo voluto contrapporre la ruvidezza delle pareti rivestite in resina cementizia, la morbidezza del legno della scala che porta al livello inferiore e soprattutto la grana irregolare del pavimento in Ceppo di Grè, pietra tipica dell'architettura di Milano.»

Interni 06 2018 sr apertura

Interni

scarica la press

Elledecor 4

Elle Decor Blow Up

scarica la press

Fabio Calvi (1969), architetto, ha studiato a Milano e Londra ed è stato collaboratore di Gianfranco Frattini e Ferruccio Laviani, per poi aprire nel 2006 uno studio con Paolo Brambilla (1973), che ha studiato architettura a Milano e Barcellona ed è stato docente di Design degli Interni al Politecnico di Milano e Consigliere dell’Ordine degli Architetti di Milano. Lo studio lavora con prestigiosi marchi di design tra i quali Barovier & Toso, Cassina, Flos, FontanaArte, Foscarini, Molteni, Olivari, Serralunga, Zanotta. 

Calvi Brambilla hanno ricevuto una segnalazione alla Medaglia d’Oro dell’Architettura Italiana per la mostra dei 50 anni di Flos; il primo premio al concorso Cassina LC50; il German Design Award per lo stand Pedrali a Colonia; il Good Design Award con il tavolo Ettore per Pianca, l’Archiproducts Award con il sunlounger Bahia per Varaschin ed infine il Salone del Mobile Milano Award per l’allestimento Flos a Euroluce 2017.