Il fabbricato originario risale agli anni ‘60 e da allora ha subito leggere modifiche esterne ed altre più sostanziali interne. Il progetto prevede l’ampliamento e la ricomposizione forometrica di tutte e quattro le facciate pur senza alterare la sagoma attuale dell’edificio se non per il prospetto sud. La volontà della committenza di un costruire “sostenibile” e che garantisse parametri di confort abitativo di alto livello hanno orientato le scelte progettuali verso la tecnologia della prefabbricazione in legno così da garantire parametri di qualità che coniugata alle applicazioni tecnologiche impiantistiche porteranno al conseguente risparmio energetico ai massimi livelli.